Apparecchi per la magnetoterapia a bassa frequenza

La magnetoterapia

è una tecnica che sfrutta i benefici dei campi magnetici per la guarigione e scopi riabilitativi.

Per capire come funziona, è necessario prima di illustrare il concetto di campo magnetico.

Semplificando al massimo, un campo magnetico può essere definito come una porzione dello spazio in cui le forze atto particolare, che può essere generato da un magnete, una corrente elettrica o un campo elettrico che può variare nel tempo.

Se applicato sul nostro corpo, l’azione di campi magnetici è in grado di ristabilire l’equilibrio biochimico di cellule se questo è compromessa, ripristinando la corretta funzionalità della membrana cellulare.

Nel nostro stato fisiologico, le nostre cellule hanno una certa carica elettrica, che diminuisce nel caso di afflizioni parapatologiche e vere patologie.

In questi casi, la membrana cellulare subisce una depolarizzazione, responsabile del dolore e l’infiammazione.

Gli impulsi elettromagnetici svolgono la funzione di repolarizzazione della membrana cellulare, ripristinando il funzionamento fisiologico e ripristinare l’equilibrio energetico.

Le onde utilizzati nella terapia magnetica sono non ionizzanti e pertanto non invasivo.

Sulla base della frequenza di emissione, potenza e intensità, le onde elettromagnetiche sono classificati in ionizzanti e non ionizzanti.

I primi sono ampiamente usati in medicina e sono generalmente molto efficaci a livello terapeutico.

Tuttavia possono essere pericolosi perché sono assorbiti dai tessuti e in quantità elevate presentano un rischio biologico sia per il paziente e per l’operatore radiologia.

Le onde utilizzati in magnetoterapia

invece sono non ionizzanti, cioè non sono assorbite dagli organi o tessuti, ma solo un’azione esercitano biofisico sopra.

La magnetoterapia viene applicata praticamente in tutte le patologie caratterizzate da dolore, infiammazione, deficit funzionale e vascolare.

Sulla base della diversa fonte del campo magnetico, possiamo identificare tre diversi tipi di magnetoterapia:

 

Statica – Bassa Frequenza – Alta Frequenza

 

In questo articolo ci fermeremo su quella a bassa frequenza, e sui principali apparecchi, spiegando i suoi benefici e l’impatto che ha sul nostro corpo.

I campi elettromagnetici a bassa frequenza applicati in magnetoterapia hanno una frequenza inferiore a 100 Hz e un’intensità del campo magnetico compresa tra 0,1 e 20 mT.

Per molti anni, l’uso della magnetoterapia nelle cliniche è aumentato a causa dei suoi effetti benefici in molti processi, ad esempio malattie della pelle, infiammazione e disturbi ossei.

Tuttavia, la comprensione dei meccanismi microscopici che governano tali processi è ancora carente e i risultati degli studi sugli effetti degli ELF-EMF sono controversi perché gli effetti derivano da condizioni diverse e dalla reattività intrinseca di diversi tipi di cellule.

Nel presente studio, ha studiato gli effetti biologici dell’esposizione di 1,5 ore di fibroblasti cutanei umani ai campi elettromagnetici con frequenze di 5 e 50 Hz e intensità tra 0,25 e 1,6 mT.

I nostri dati hanno mostrato che il trattamento magnetico non ha prodotto cambiamenti nella vitalità cellulare, ma ha dato prova di una notevole riduzione della proliferazione a 24 ore dopo il trattamento.

Inoltre, gli esperimenti di immunofluorescenza hanno mostrato un aumento dell’espressione della tubulina che potrebbe prefigurare cambiamenti nella motilità cellulare o nella morfologia.

La riduzione della proliferazione con una vitalità invariata e un aumento dell’espressione della tubulina potrebbero essere coerenti con l’attivazione di un processo di transdifferenziazione dopo l’esposizione agli ELF-EMF.